Home > Poesie e Racconti > Terenzi

fabrianostorica@libero.it


 

Le vecchie osterie de Fabbriano

 

Dell'osterie pi¨ antiche a Fabbriano

a cominciÓ lass¨ d˛ sta er giardino

che poi sarýa la porta anc˛ der Piano,

una Ŕ chiamata quella der Fortino.

 

Che a parag˛ de quella de Piscione

d˛ te gustai tre qualitÓ de vino,

tutto er valore dar bancone*

che dice ch'era a stile Bizzantino.

 

Un'attra a S. Venanzo era de Spippa,

famosa pure questa e rinomata

d˛ er giovedý per fatte be, la trippa

te la faceva apposta pi¨ salata.

 

Invece pi¨ nascosta da n'architto

che me ciÓnnosconnevo da munello,

Ŕ quella che iÚ dice der Zorcitto,

er vino parýa sempre l'acitÚllo.

 

P˛llo c˛ Donna da le votteghe scure,

dietro ar teatro quella de FrorÚnza

poretta che ce cucinava pure,

d˛ tutti ce magnÓa e facea credenza.

 

 

 

 

Dietro S. Miascio, Santone e Vegnamino,

poi NapulÚllo su pÚ la Visciana,

qui sotto l'arco quella der Grottino,

poi lo Romano e quella Marchisciana.

 

Venanzo, Marcellini, c˛ la M˛ra,

VusÚlli c˛ la Scimmia assieme ar Gallo,

Ŕ l'osterie che ce ricorda ancora

d˛ er vino er careggiava cor cavallo.

 

 

 


 

 

La Pulenta

 

Mica ce s'accapezza n'accidente

stÓ giovent¨ d'adesso in minigonne!

Quello che iÚ dai non magna niente,

a me me fÓ piÓ certe madonne!

 

PerchÚ se penza, noi da munellacci,

la fame ce facÚa dolŔ la testa,

se coprivamo lý c˛ n'barde stracci

e se magnai pulenta era giÓ festa.

 

Stavamo in dieci intorno ar tavolino,

te parlo mo der ventinove o er trenta,

guardanno st¨ callaro dar camino

e mamma a smuscinÓ lý stÓ pulenta.

 

Quann'Úra cotta e ora de caccialla,

sopra la spianatora la stennea:

Magnate piano, cercate a masticalla

er poro vabbo sempre ce dicÚa.

 

E mica c'era er tempo d'acciaccalla,

dovei st'attento annÓ un p˛ pÚ la spiccia,

se te fermai per caso a masticalla

cor cazzo ciarivai da la sarciccia.

 

 

 

 

 

 

 

 

Fabriano, Vicolo

San Romualdo

 

 

 

 

Giuseppe Terenzi


Nato a Fabriano il 27/10/1927 dove ha lavorato e tuttora risiede. Una grande spontaneitÓ caratterizza le sue opere che prendono spunto da fatti di vita vissuta.

 

 

 

BIBLIOGRAFIA

G.Terenzi, "Er vorgare fabrianese", Fabriano 1977 - con licenza dell'autore

 

 

 

 


- ę 2004 Fabriano Storica « -