Home > Poesie e Racconti > Falessi

fabrianostorica@libero.it


 

El 'rrotino

 

Mica t'ssi da crde, cocco vllo,

che sci f lo 'rrotino e so 'n poraccio,

non ciabbia 'n po' de sale da l' cervello...

de quello che se chiama 'l talentaccio!

 

Studi...? Nun studiato, da munello,

ma po', me so struito 'n tantinaccio,

che sci vojo parl co' questo e quello

non arimno l com'un cazzaccio.

 

Non te n'accorgi quanno che discoro?...

Certe vorte, nemmeno un deputato!

Tocca sent sci po' me ciaccalro!

 

Porcaccia la miseria... Av studiato!

Te faceo d ch'ora ..., sci ch'era 'l Moro!

Non pensi sci cche straccio d'avvocato?

 

 

 

 

Fabriano, Via Le Moline

 


 

 

Dal Macellaro

 

"Que te posci, Rom, ma que me di?

P quattro lire 'n chilo de vaccaccia?...

Accidnte, perne, sci che faccia...

Mal accusc nun m'i servito mai!

 

D'sse ladri va vne...: d, ce vai

dalla chiesa e po' freghi 'na poraccia

cor vnneje sto pezzo de carnaccia?

Ma, dimme, 'n po' de core... non ce l'i?"

 

"Cocca mia, sci t'azzitti 'n tantinello...,

porca matina, guasci m'i 'ntontito?

Va v cuscine? ... El vli de vitello...?

 

El vli de mongana sto bollito?"

"No, quel pezzo, Rom: sci,... damme quello..."

"Questo?" "Sci..., finarmente m'i capito!..."

 

 

 

 

Ugo Falessi (1903-1978)


Nato a Fabriano il 3/3/1903, insegn in vari istituti scolastici ed ebbe incarichi pubblici che gli valsero l'onoreficenza "Al merito della Repubblica Italiana". Fond la Casa Editrice Fabrianese (CEF).

 

 

 

BIBLIOGRAFIA

Aa.vv., "Antologia della poesia dialettale dall'800 ad oggi" Fabriano 1978

D.Pilati, "Il chi ? fabrianese 2" Fabriano 1993

 

 

 

 


- 2005 Fabriano Storica -