Home > In breve

fabrianostorica@libero.it


Fabriano, notizie in breve

 

La città (325 metri s.l.m.) è collocata in un ampia conca, sul versante est dell'Appennino umbro-marchigiano, distesa in larga parte sulla riva destra del Giano, affluente del bacino montano del fiume Esino.

E' sede della Comunità montana Esino-Frasassi e conta nell'insieme una popolazione che si aggira intorno ai trentamila abitanti. Il territorio comunale abbraccia una estesa area, tra le più vaste d'Italia e comprende numerose frazioni, inserite spesso in un ambiente paesaggisticamente attraente, alcune delle quali con tracce e segni storici e monumentali degni di attenzione.

L'originario impianto urbanistico medievale, pur notevolmente alterato nel corso dei secoli, risulta tuttora riconoscibile: il Centro storico nella sua singolarità architettonica presenta tratti che lo rendono particolarmente interessante. Universalmente noto è il Museo della Carta e della Filigrana sito nel complesso di San Domenico; numerosi sono i Palazzi, i Monumenti e le Chiese di rilievo. Da visitare è la Pinacoteca Civica, la cui raccolta ospitata nel quattrocentesco Spedale del Buon Gesù è, per vastità e qualità delle opere, da molti indicata come una delle più importanti dell'Italia centrale.

A cavallo tra la fine dell'ottocento e gli inizi del novecento la città vede progressivamente modificarsi il suo assetto; l'impetuoso e straordinario decollo industriale del secondo dopoguerra finisce poi per caratterizzarla in modo definitivo secondo le strutture attuali. Fabriano, al centro di una amplissima zona produttiva che si estende lungo la fascia valliva tra Albacina e Marischio, costituisce un distretto economico tra i più attivi e dinamici delle Marche e rappresenta uno dei riferimenti primi di un modello adriatico divenuto esemplare.

Accanto all'antica attività cartaria, alle più tradizionali attività alimentari, si è sviluppata in maniera ramificata e consistente l'industria metalmeccanica (elettrodomestici in particolare e cappe per la cucina), con un indotto vivace e diffuso. 

 


- © 2004-2007 Fabriano Storica ® -